12 e 13 Settembre si è svolto a Parma il IV Forum Mondiale UNESCO “Culture and Food: innovative strategies for sustainable development”.

Il forum ha riunito oltre 150 partecipanti – tra cui professionisti, esperti internazionali, rappresentanti del governo, IGO e ONG – per esplorare percorsi innovativi per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile attraverso discussioni di gruppo sui seguenti temi:

Panel 1: “Beni culturali e cibo: le basi dell’identità culturale”
Panel 2: “Cultura per lo sviluppo socioeconomico delle aree urbane e rurali: nuove politiche culturali”
Panel 3: “Istruzione e sostenibilità: formazione professionale e nuovi lavori”
Panel 4: “Scienza e ricerca: biodiversità, sicurezza alimentare e innovazione per il pianeta”
Panel 5: “L’esempio delle Città Creative UNESCO della Gastronomia

 
Sul terzo Panel “Istruzione e sostenibilità: formazione professionale e nuovi lavori” sono intervenuti la Prof.ssa Maria Giovanna Onorati, docente presso l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, il Prof. Andrea Sinigaglia di ALMA e il Prof. Andrea Fabbri, Presidente del Master COMET.

Il Prof. Fabbri ha confermato l’importanza della difesa dei saperi e delle tradizioni delle comunità indigene e delle aree in via di spopolamento, che è stata oggetto degli interventi precedenti. Ha aggiunto che tali iniziative non possono essere l’unico piano di intervento, per la lotta contro lo spreco, contro la perdita di biodiversità e l’estendersi della fame nel mondo.

Il docente ha sottolineato la necessità, oggi più che mai, di aggredire alla radice le ragioni di queste minacce, con l’innovazione a livello di produzione, di trasformazione, di conservazione, di trasporto. Tutto ciò, ha continuato, è possibile solo grazie alla ricerca e alla formazione delle nuove generazioni di operatori nei paesi a economia emergente, e nelle situazioni in genere più critiche. Altrimenti ci si limiterebbe ad un’azione di retroguardia, quando invece è vitale attaccare per innovare.
A tutti i presenti ha quindi ricordato l’eccellenza dell’Università di Parma a tutti i livelli del settore Food, e non solo nella Gastronomia, per la quale non va dimenticato che Parma è Città Creativa UNESCO. A Parma si difende la cultura e la tradizione, ma si studiano anche tutte le strade scientifiche e tecnologiche per affrontare i problemi.

Il Prof. Fabbri ha poi concluso il suo intervento con una riflessione e un invito “La nostra formazione è basata su un substrato granitico di scienza e tecnologia”. “Mandateci i vostri giovani, e dopo qualche anno torneranno con strumenti e con idee”.

L’eccellenza dell’Università di Parma nella ricerca e sviluppo nel settore Food è stata confermata all’interno dello stesso Panel dall’Assessore Regionale Prof. Patrizio Bianchi, e nel successivo dall’Assessore Regionale Dr.ssa Simona Caselli.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: